guccini

Nel mondo editoriale sempre più giovanilista, ci sono però libri non dico vietati, ma di assai difficile accesso per gli under 40. Perché parlano di “cose perdute” ed è difficilissimo capire quali cose siano se non si non viste con i propri occhi. Solo chi ne ha avuto diretta esperienza può ricordarle e provare un sentimento, un magone. Almeno così succede a me, vedendo in libreria la copertina di questo libro che riproduce il pacchetto di Nazionali che fumava mio nonno. Senza filtro, naturalmente.

Sto parlando del nuovo libro di Francesco Guccini, appunto Il Dizionario delle cose perdute (Mondadori), perché sopraffatte dalla modernità, ma come altri più nobili cose (il biscotto Madeleine) per nobilissimi autori (Marcel Proust), capaci di rievocare un mondo, il paesone Italia di quando ero bambina. Il mondo che Guccini cantava così bene quasi quarant’anni fa e che ha cantato fino agli anni ’90. Oggi Guccini scrive, e bene (d’altronde scriveva molto bene le canzoni che erano storie, ballate). Ogni oggetto che rievoca è un frammento atobiografico, ma anche una piccola storia.

Prendiamo “il lattaio e la carta moschicida”: potremmo anche iniziare “c’era una volta il lattaio che vendeva il latte sfuso” per dire quanto oggi sembra fiabesco. Se non che io mi ricordo benissimo di mia nonna con la bottiglia di latte, che veniva riempita con una tazza di latta, come racconta Guccini.

E poi la carta moschicida, il Flint, la Topolino, il prete: oggetti che è vero erano già un po’ vecchi quando ero ragazzina, ma che ricordo benissimo con tenerezza. Sì, non è un libro per giovani, ma magari i giovani da questo libro, come dalle canzoni di Guccini, possono provare a capire come erano i genitori, se non addirittura i nonni da ragazzi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: