erri de luca

E’ proprio vero che a volte libro chiama libro, storia si aggiunge a storia, come il rotolare dei pensieri.

Avevo appena finito di leggere il memoir di Edith Bruck e l’occhio mi è caduto sul nuovo racconto di Erri De Luca, Il torto del soldato, appena pubblicato da Feltrinelli. E guarda un po’, anche questa storia ripensa, riflette sulla shoah, ma chi racconta è lo scrittore appassionato e studioso della lingua yiddish che un giorno, mentre studia un racconto di Isaac Singer con i fogli sparpagliati sul tavolo di un ristorante in montagna (dove si dedica ogni giorno alle arrampicate), incrocia lo sguardo di una donna e poi del suo accompagnatore più anziano. Come succede in questi casi, resta vagamente incuriosito, si accorge che la coppia è formata da padre e figlia e che il padre è visibilmente sconvolto dal fatto che il suo vicino legga a fior di labbra l’yiddish.

Così prende corpo la storia narrata in prima persona dalla donna del tavolo accanto, che confessa di essere figlia di un criminale nazista, uno che, come tanti di loro, era sfuggito sempre alla giustizia e anche alla ricerca continuata per decenni dai detective del Centro Wiesenthal. Ovviamente un soldato mai pentito, che appunto dice “Il torto del soldato è la sconfitta. La vittoria giustifica tutto.” E che si accanisce a studiare la cabbala, convinto che lì sia il segreto, il cuore della forza degli Ebrei, uccisi nei lager ma mai sconfitti, e anzi capaci di far germogliare nuova vita dalla terra bruciata europea.

Il torto del soldato, pensa la figlia, è l’obbedienza. Quando è cieca, folle, disumana. E questo è il messaggio che ci regala De Luca, in questa sua bellissima storia.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: