benignone

Se non si trattasse della nostra Costituzione, stenderei anche un velo pietoso sullo spettacolo televisivo di ieri sera, il one-man show di Roberto Benigni, visibilmente euforico per aver ottenuto tale platea alle sue condizioni, cioè senza interruzioni pubblicitarie, senza pause, senza manco prendere fiato noi spettatori, annichiliti dalla verbosità un po’ ripetitiva, enfatica e retorica, purtroppo pure didascalica che mescolava battute di satira politica con osservazioni (anche discutibili) sugli articoli della Carta.

Ma io mi domando se persone di questo livello e anche di comprovata intelligenza e sensibilità sappiano a volte quel che intendono fare e fanno. Come si fa, oggi,a far sorbire due ore e mezzo secche di lezione assertiva, senza neppure due note di musica, tanto per alleggerire, solo faccia e voce e accento toscano e soliti lazzi antiberlusconici, ormai francamente patetici, tanto parlar male del povero ex premier è come sparare sulla Croce Rossa. La risposta, ahimé, credo sia nella solita vanità maschille, nel narcisismo che culla certi uomini di spettacolo o di potere nella beata illusione di essere sempre graditi, qualsiasi cosa facciano o dicano. Ma non c’è nessuna, una moglie una sorella, una figlia, una cugina, che dica loro di abbassare un po’ la cresta, i toni, le pretese?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: