memoria

mazzettiIn occasione della Giornata della memoria, anticipando di un paio di giorni, venerdì scorso si è tenuto a Massa Marittima un incontro con una donna speciale, splendida: Lorenza Mazzetti (nella foto al centro, tra la sottoscritta e il vicesindaco e Assessore all’Istruzione Luana Tommi, di fronte la direttrice della Biblioteca, Roberta Pieraccioli), regista e scrittrice, che ha testimoniato in un suo libro, Il cielo cade, la sua storia durante la seconda guerra e i rastrellamenti nazisti.

cielo-cadeRimasta orfana di entrambi i genitori, Lorenza fu affidata con la sorellina alla zia paterna, sposata con Robert Einstein. Famiglia ricchissima, sofisticata, intellettuale, insieme ad amici tedeschi artisti si era rifugiata nella villa di Rignano sull’Arno, ma quando passarono le truppe tedesche, che si insediarono in villa, l’ebreo tedesco Einstein non poté sfuggire all’occhio delle SS. Riparato con i partigiani sulle montagne, Robert si salvò, ma sua moglie e le figlie furono trucidate sotto gli occhi delle cuginette, Lorenza e la sorella.

Si rinnova lo strazio di una storia orrenda, testimoniata questa volta da una ragazzina che ha vissuto la distruzione totale della sua famiglia, per la guerra e per l’antisemitismo. E direi che sono toccanti le pagine dedicate a questo zio così gentile e generoso, che aveva accolto le bambine in casa come figlie, senza esitare. Il film che ne era stato tratto, nel 1996, tratteggiava ugualmente l’umanità, la gentilezza, l’accoglienza di questi tedeschi ebrei o dissidenti, quelli che avevano creato una delle nazioni più colte e raffinate del mondo, inghiottita nel buio del nazismo.

Il libro, pubblicato nel 1961 da Garzanti, era però stato rifiutato da molti editori, che lo trovavano poco interessante, e poi scritto dal punto di vista di una bambina, dunque forse poco serio. Fu Zavattini a presentarlo a Garzanti e a farne un piccolo caso editoriale. Nel 1993, Sellerio ha ripreso il testo e lo ha pubblicato nella collana “La memoria”, com’è doveroso, arrivando alla quattordicesima ristampa, meritatissima, per un libro molto bello, che si presta alla lettura di tutti. Un tempo si diceva grandi e piccini, io direi ragazzi di ogni età.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: