sheep

sheepNon sono carine? Vederle sempre intorno e così da vicino è un piacere.

Talmente grande che mi sono messa a leggere un giallo pubblicato due anni fa in Italia, Glennkill (Bompiani 2011), di Leonie Swann, pseudonimo di una giovane autrice tedesca (nata nel 1980) che, un po’ come nel celebre La fattoria degli animali di Orwell, sceglie come protagonista della storia d’investigazione un gregge di pecore, dove si distingue l’intelligentissima Miss Maple (altro omaggio, ma stavolta ad Agatha Christie).

glennkillIl caso inizia con il ritrovamento del pastore, assassinato con una vanga, dalle sue pecore sconcertate. A differenza del gregge umano che non si preoccupa di chi abbia ucciso l’uomo, ma casomai cerca di portargli via i suoi possedimenti o i segreti che aveva, le pecore si pongono molte domande, proprio quelle che avviano sempre indagini e permettono di scoprire i motivi e i responsabili.

Più divertente che da brivido, il romanzo svela in modo simpatico i meccanismi del racconto d’investigazione. Penso sia adatto ai lettori giovani, che anzi potranno apprezzare il gioco dei generi: un giallo raccontato con humour, leggerezza, e il punto di vista di pecore che capiscono più con l’odorato che con la vista. Questioni di lana, ma non caprina.

Annunci
2 commenti
  1. ch ha detto:

    Eh,Paola….questa volta sei in ritardo! Già letto e passato ai ragazzi da un bel po’ di tempo! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: