dolore

bajaniHo comprato il libro di Andrea Bajani perché credo sia un autore interessante e diverso dai pur ottimi narratori di storie. Non c’è quella che oggi tutti ti chiedono, la “trama forte”, non c’è la storia che incolla il lettore grazie all’uso di tecniche narrative d’effetto. C’è invece una scrittura terapeutica, in forma favolistica, che ragiona intorno all’umano dolore, personale e ineludibile, con cui si nasce e si cresce, addirittura si alleva come un cane, e si tiene a bada come un animale altrimenti violento e distruttivo. Il titolo, ambiguo è: Un bene al mondo (Einaudi), e questo “bene” è la parola, è la capacità di scrivere.

Alla fine, l’io narrante ci dice chiaro e tondo che questa non è una favola, anche se lo sembra: c’è un bambino, il bosco, gli adulti minacciosi, un amico invisibile, c’è la tristezza cosmica delle fiabe e la loro ineluttabilità, ma non c’è riscatto e lieto fine, non c’è una rinascita e una risoluzione positiva. C’è un parlare e ripetere e ritornare a cerchi concentrici sul dolore, sulla parola dolore, sulla solitudine umana, la grande fatica di vivere, l’impossibilità di essere non dico felici ma almeno allegri, non c’è risata che stappi questa coltre di dolore.

Dice bene Massimo Recalcati che ha recensito il libro su Repubblica: “Per Bajani scrivere non è mai un divertissement, non è mai un edonismo privo di responsabilità; assomiglia piuttosto ad un’esigenza del corpo, ad una necessità primaria come mangiare, correre o respirare. Senza dolore la vita non è umana – è la vita di Dio o quella di un giglio -; ma consegnata al dolore senza alcuna distanza la vita si prosciuga e si annienta.”

Però, magari, si può anche provare un piacere responsabile che è quello di considerare il libro un figlio, un piccolo lieto fine nell’aridità dei contatti e degli affetti. Altrimenti l’esigenza del corpo è solipsistica, non si cura degli altri e del mondo e resta come quella di un anacoreta che soffre nel deserto.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: