mastrangelo

mastrangeloMi pareva un po’ strano leggere “Il sistema di Gordon” (La nave di Teseo) di Giovanni Mastrangelo mentre volavo verso il Messico. Un romanzo ambientato in California negli anni ’80, che racconta di una specie di setta raccolta intorno alla figura massiccia e catalizzante di un guru che mescola teorie (pseudo)scientifiche con discipline orientali e credenze superstiziose, un po’ come molte sette soprattutto americane.

Però il romanzo davvero cattura, sa far rivivere le atmosfere di quei decenni (70 e 80), utilizzando la strategia del racconto corale, con focalizzazione multipla. E’ perciò una lettura affascinante, almeno lo è stata per me che ho ritrovato appunto i racconti di molti amici che partivano per gli States, e di alcuni che sono rimasti coinvolti in gruppi simili. In più, il sottofondo musicale, ovvero la musica citata con versi e titoli, è di Bob Dylan.

Ho visto che nelle interviste all’autore, i giornalisti hanno cercato di trovare gli spunti autobiografici del romanzo, anche perché ci troviamo di fronte a uno scrittore che ha vissuto in Africa, in USA, che ha scritto “Il piccolo Buddha” per il film di Bertolucci, e che dunque potrebbe benissimo essere uno dei personaggi, e forse lo è. O anche tutti, perché vale la regola che chi racconta una storia lascia emergere frammenti di biografia, ma sarebbe meglio dire scaglie di vita, perché nei romanzi si narra quel che si sa e che si  sa immaginare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: