il cile di sepulveda

Quelli che hanno più o meno mezzo secolo (forse più che meno) apprezzeranno la lettura dell’ultimo romanzo di Luìs Sepùlveda, “La fine della storia” (Guarda 2016) che oltre ad essere una storia appassionante, ha il dono dell’asciuttezza, e anche della brevità, qualità oggi passate in secondo piano a favore di romanzi verbosissimi dove si riesce a chiacchierare tanto per dire poco o nulla.

“La fine della storia” mi ha emozionato, mi ha catturato fin dall’inizio, perché ricorda il golpe del Cile del 1973, una storia che ho anche ricordato ne “Il vento di Santiago” quasi vent’anni fa. Ma è anche un omaggio ai noir americani del passato, in cui i protagonisti sono detective un po’ maledetti. E qui, il protagonista Belmonte, un po’ maledetto lo è per la sua storia di ex sniper, addestrato in Russia per essere un rivoluzionario in Cile e poi in altri paesi centro e sudamericani, un ex giovane fervente comunista, la cui compagna fu catturata e torturata, e rimasta in vita per un soffio e desolatamente muta.

Siamo alla fine della storia, cioè alla fine di quell’idealismo che fu soffocato nel sangue di una ferocissima dittatura che mai ha pagato del tutto per i suoi crimini, perché troppi erano gli interessi in gioco. Siamo alla fine di quel gruppo di rivoluzionari che, se non furono uccisi o desaparecidos, finirono poi mercenari nelle guerre mondiali, e che riemergono dal passato per tradirsi o per vendicarsi.

Una malinconia struggente attraversa un romanzo che offre un finale per nulla scontato, ma coerente con il racconto, e che si legge sentendo ridestare dentro lo sdegno, la pietà e l’orrore di quella tremenda storia vera, buia e maledetta.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: