si fa per dire “vecchie”

Simpaticissimo John Niven, l’autore di “A volte ritorno” e di “Maschio bianco etero”, soprattutto fa morire dal ridere i suoi coetanei quarantenni. A me, confesso, mi è venuta inizialmente una botta di depressione a leggere il suo “ Le solite sospette” (Einaudi 2016). Primo: perché si parla di vecchiette riferendosi in particolare a tre sessantenni. In effetti per un quarantenne, una donna di sessant’anni è quasi decrepita, che poi ci siano in giro Fiorelle Mannoie e madri di adolescenti (a causa delle crescenti gravidanze ultrattempate), non ha importanza. Passata la boa dei 50, è ufficiale: la donna è gallina vecchia.

Inganna poi la copertina, con una vera anziana che avrà come minimo ottant’anni, per imitare la copertina del “Centenario che saltò dalla finestra e scomparve” di Jonason, un libro esilarante pubblicato anni fa e che ha avuto un discreto successo. In realtà di novantenne nel gruppo delle “anziane” ribelli ce n’è una ed è la più scatenata di tutte. Le signore appunto vecchie (ma in Inghilterra ho visto che usano sempre il termine politicaly correct di “una certa età”, quindi Niven usa a proposito il termine vecchio per dissacrare), ideano e realizzano una rapina in stile classico, incappucciate e armate, ma con i colpi a salve. Fuggono poi allegramente in Francia, si danno alla pazza gioia con 4 milioni di sterline, in barba a un sistema che lucra sui più deboli ma soprattutto sulle donne, che siano borghesi o no, che siano state rivoluzionare, femministe oppure devote casalinghe, che siano vecchie o giovani.

Alla fine, anche un uomo (maschio bianco etero) la figura peggiore la riserva ai suoi simili: maniaci, sfruttatori, stupratori, vigliacchi,  bugiardi, non proprio delle aquile (neppure i detective), egoisti, che non saprebbero nemmeno lontanamente improvvisarsi rapinatori per pagare una costosa operazione al proprio nipotino. Sicché alle vecchie: chapeau!

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: