cinema estivo

E’ una delle cose che adoro della città d’estate: il cinema all’aperto, nelle arene. Non sono di certo l’unica. Ogni sera la sala è piena, soprattutto di giovani che lasciano i divani davanti all’imperante tivù per il grande schermo circondato dalle stelle (in queste notti si vede Marte, un puntino rosso brillante).

Così uno riesce anche a rimettersi in pari. Ieri sera per esempio ho visto il tanto celebrato “Tre manifesti a Ebbing” che ho trovato un po’ una mazzata. Un film che vuol essere troppo un capolavoro per esserlo sul serio, e se l’inizio è magnifico, come sa esserlo il cinema quando sa usare il proprio linguaggio (prettamente d’immagine), poi si sbrodola nelle chiacchiere, nelle scene implausibili (ci sono diverse cosette che non tornano, per chi sa un po’ maneggiare le storie), nella solita storia di vendetta all’americana e di durezza alla Eastwood (che però è unico), con una donna diventata una specie di guerriera ninja o anche veterana Vietnam, con la bandana tipica dei film post-Vietnam.

Lo so che susciterò lo sdegno in chi ha giudicato il film eroico e grandioso, ma io l’ho trovato forzato, e forse, come me, anche le giurie che hanno premiato Frances Mc Dormand ma non il film devono aver avuto dubbi. (Una nota divertente sul turpiloquio eccessivo in un film dove i figli chiamano “tr…” la propria madre: all’intervallo la gente usava un linguaggio superforbito rivolgendosi al barista: “potrei avere per cortesia dell’acqua minerale?” Barista: “Volentieri. Prego, signora, desidera anche un bicchiere di plastica?” “La ringrazio infinitamente, gentilissimo.” “Ma prego, non c’è di che, buona serata”)

Invece contentissima di aver visto “The Party”, film di Sally Potter (ma come ho fatto a perderlo? Facile: sono film che forse passano come meteore nelle sale). Una specie di “Carnage” umoristico, molto meno denso, ma con lo stesso impianto teatrale, un camera film con attori ottimi, humour british, una buona dose di sarcasmo sui politici (inglesi e nel caso laburisti), che comunque, rispetto ai nostri, mostrano un contesto di sobrietà impressionante, quasi commuovente: quale ministro della sanità italiana vivrebbe in un appartamento piccolo borghese, con un bagno da dopoguerra?

Annunci
2 commenti
  1. Adoro Almodovar, un regista che ha rinnovato non soltanto il cinema, ma anche il costume sociale. Questo film non l’ho visto, grazie per avermelo segnalato. Complimenti per la sua recensione!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: