archivio

libreria

Giovedì scorso ho partecipato a un dibattito sul tema dell’uso della bici in città, approfittando del mio buon vecchio libro “Firenze in 4 stagioni” pubblicato da Ediciclo nel 2009. Un libro che piace molto e che per tanti aspetti non è invecchiato, perché offre dei percorsi insoliti in una città famosa come Firenze.

1836654_262494603922892_4806837535779459967_oLa libreria è la “On The Road” di Firenze, tenuta dalla giovane libraria Martina. E qui devo complimentarmi con una ragazza, che oggi decide di aprire una libreria (!!!) in una periferia cittadina sul tema specifico del viaggio. Un’iniziativa che andrebbe benissimo in Germania o in Inghilterra, ma nel “paese dei non lettori” stupisce e suscita una immensa ammirazione.

Non solo, c’era anche un folto pubblico! Interessato a tal punto da rimanere fino alle 20.30, orario che in Italia è praticamente intoccabile. Evidentemente il tema della  bicicletta, della città a mobilità sostenibile e la proposta di percorsi storico artistici da realizzare semplicemente (senza competizioni sportive), per scoprire o ricordare personaggi e pagine importanti della nostra cultura, riesce ad affascinare le persone.

10257897_262494570589562_1663005688227098504_oPubblico qui delle foto tratte dalla pagina facebook della libreria On The Road, con me, Andrea Vannucci (Consigliere Comunale) e Massimo Boscherini (Presidente dell’Associazione “Firenze in bici – FIAB”)

 

 

 

 

GiroToscana_locandinaDal 6 settembre è iniziata una staffetta in bicicletta per le librerie di tutta Italia, che durerà fino al luglio 2015.

Dal 6 settembre al 29 settembre il giro avverrà in Toscana (per informazioni e partecipazioni:

www.letteraturarinnovabile.com

Il Prossimo 14 settembre, anch’io parteciperò alla staffetta in bici. Sarò alla Libreria Cuccumeo di Firenze alle 16, poi seguirò il “tour”. Ecco il programma della giornata:

Anteprima in Toscana: sulle strade dei mondiali di ciclismo

6-29 settembre 2013

14 settembre 2013

Firenze – ciclostaffetta  

In collaborazione con l’Associazione La Nottola di Minerva

Tappa centrale del Giro d’Italia in 80 librerie, la ciclostaffetta di Firenze metterà in luce l’eccellenza

culturale di una delle città più belle al mondo, portando eventi creativi in alcuni tra i suoi

spazi più vivi: laboratori per bambini, letture spettacolari e teatrali, Telegrammi da sogno, fotografia

culturale in azione, buonissimi CentriFugati e torte etiche, Racconti del cielo e una merenda

speciale al Parco delle Cascine.

Un ruolo fondamentale spetta a due biblioteche cittadine: l’Isolotto, da cui partirà la staffetta, e

le Oblate, con omaggio significativo a una delle figure di maggior spicco del panorama culturale

italiano, recentemente scomparsa: Margherita Hack.

Le librerie indipendenti saranno protagoniste della parte centrale della giornata; mentre il Caffè

Letterario delle Murate ospiterà l’incontro tra Cristiano Cavina e Paola Zannoner e

curiosi incontri tra sax, teatro e fotografia con Sualzo. Ma la presenza del Giro a Firenze non

si conclude qui, perché il 27 settembre le biciclette torneranno in città per un evento speciale

con protagonisti Paolo Nori, Marco Vichi, e il gruppo musicale Di Maggio Bros, che

darà il via alla terza stagione del Caffè Letterario.

Quinta tappa, sabato 14 settembre da Pistoia a Firenze.

Ciclisti: Cristiano Cavina e Marco Vichi.

sopralacquaAlcuni di voi (non pochi, devo precisare) mi scrivono sia al mio indirizzo privato, sia qui, che vanno in libreria e non riescono a trovare neanche uno dei miei libri, eppure sono tutti nei cataloghi dei vari editori e se aprite uno dei siti delle librerie on-line (per esempio cliccate qui: Amazon) li potete trovare. Non mi resta altro da dirvi perché non ho una personale libreria, nè lavoro in una delle case editrici per le quali pubblico (e sono pure grosse aziende), né posso chiamare appunto nelle suddette per lamentarmi, perché vi posso garantire che inventano scuse assai plausibili oppure attaccano a snocciolarmi numeri, spiegandomi che le ristampe sono calendarizzate eccetera eccetera.

Pensate anzi a quanto è disperante per me, che i miei poveri lettori debbano fare tanta fatica, addirittura pietire un mio libro! In un momento in cui si vende poco o nulla, giusto i best seller erotici o i libri di cucina o i volumetti per bambini molto piccoli. Ma niente, ormai da alcuni anni si è deciso di puntare sulle novità possibilmente in odor di best seller, sperando sempre nel botto tipo Cinquanta sfumature (che peraltro è arrivato già in formato best seller dall’Inghilterra) o dei Numeri primi. Di scrittori che lavorano con serietà e consuetudine sembra che certi editori non sappiano più che farsene, e quasi quasi disprezzano il famoso “catalogo” che un tempo era il loro vanto, il loro patrimonio.

Che devo dirvi? Ogni volta mi rimetto in gioco, per questo motivo ho cambiato di nuovo editori, lo vedrete nei prossimi mesi. Credo che sarà una bella sorpresa.